Stampa su tela canvas: come ottenere i risultati migliori sui quadri

Partecipazioni carta di Amalfi
Stampa su carta di Amalfi: qual è la tecnica migliore?
Luglio 30, 2018
photo booth selfie
Photo booth: la cornice per selfie più gettonata del 2018
Luglio 30, 2018
stampa su tela canvas

La stampa su tela canvas è oggi molto in voga, perché attraverso di essa è possibile dar vita a complementi d’arredamento. La stampa su tela canvas, infatti, è adoperata soprattutto per realizzare quadri, in cui il soggetto potresti essere tu.

Stampa su tela canvas: lo scatto diventa quadro

Dalla piccola cornice pensata per le foto alla tela di un quadro. Alle foto, oggi, è data la possibilità di trasformarsi in opere realizzate non da abili pittori, ma da tecnici di stampa. Grazie all’utilizzo della tela canvas è possibile creare dei complementi d’arredo personalizzati e originali. Ovviamente, per ottenere risultati d’effetto, sarà necessario affidarsi a tecnici esperti, in possesso delle più aggiornate macchine per la stampa. Se la qualità della stampa è essenziale per raggiungere la perfezione nel risultato, è molto importante anche lo scatto di partenza. Non è necessario essere un fotografo professionista per realizzare uno scatto d’autore: bastano pochi semplici accorgimenti.

Lo scatto ottimizzato per la stampa su tela canvas

Quando si commissiona la stampa su tela canvas a partire da una fotografia, solitamente si richiede un prodotto finito che abbia dimensioni di 100×150 cm. Non sono rari i casi in cui si richiedono stampe più piccole, che partono dai 20X30 cm. Per ottenere una stampa su canvas nitida è indispensabile possedere una fotocamera ad alta risoluzione. Un buon compromesso sarebbe quello di partire da una risoluzione di 240 dpi.

Per assicurarsi della risoluzione della foto scattata, è possibile controllarla prima mediante Photoshop. Maggiore è il numero di pixel contenuti, migliore sarà la risoluzione soprattutto nelle stampe su tela canvas di grandi dimensioni. Ottimi risultati, si ottengono su grandi tele, già quando la risoluzione della foto è pari a 100 dpi.

L’importanza di saturazione e contrasto

Peculiarità delle tele canvas è quella di assorbire molto l’inchiostro. Per tale ragione se si intende ottenere un risultato finale che sottolinei la vivacità dei colori è meglio implementare i livelli di saturazione mediante programmi di fotoritocco come Photoshop. Nel caso in cui non si proceda a maggiorare la saturazione la tela apparirà con colori molto tenui, dall’effetto pastello.

Se si preferisce, invece, avvicinare la foto allo stile pop allora è necessario aumentare il contrasto. Un buon consiglio, nel caso in cui si vuole realizzare la stampa di un ritratto su tela canvas, è quello di non esagerare troppo con i ritocchi sulla pelle, visto che la stampa su tela produce risultati estetici molto migliori rispetto alla stampa in bianco e nero.

 

Inquadrature e angolazioni

Ritratti, paesaggi, momenti della vita importanti che si vogliono stampare su tela devono avere come base delle fotografie con inquadrature larghe. Di fatto, un’inquadratura stretta è controproducente perché spesso non tiene conto dei dettagli presenti nel perimetro, che in fase di stampa su tela andranno poi nascosti sotto la cornice o nell’intelaiatura.

Fondamentale è poi considerare che è sempre meglio evitare di inclinare la macchina fotografica durante gli scatti: stampando su canvas, infatti, il risultato potrebbe “stonare” con la linearità del resto dell’arredamento.

 

Comments are closed.

WhatsApp WhatsApp!